Cecil Ross Pinsent

Cecil Ross Pinsent (5 maggio 1884 – 5 dicembre 1963) è stato un designer di giardini e architetto britannico, noto per i giardini innovativi che ha progettato in Toscana tra il 1909 e il 1939. Questi hanno rivisitato in modo fantasioso i concetti dei designer italiani del XVI secolo.

Cecil Ross Pinsent nacque in Uruguay il 5 maggio 1884, a Montevideo, figlio di Ross Pinsent (un uomo d’affari con interessi ferroviari) e Alice Pinsent. Ha studiato architettura in Gran Bretagna.

Tra il 1901 e il 1906 trascorse qualche tempo a realizzare disegni topografici di chiese e case in Gran Bretagna e Francia; e nel 1906 stava facendo disegni simili in Italia. Lui e il suo amico Geoffrey Scott, durante un tour in Toscana, incontrarono lo storico dell’arte americano Bernard Berenson e sua moglie Mary Berenson. Berenson ha impiegato Scott come suo bibliotecario e Pinsent ha assistito al lavoro su Villa I Tatti di Berenson. Attraverso Berenson, Pinsent ha avuto accesso a una ricca clientela, attinta dalla comunità di lingua inglese in Toscana. I suoi clienti includevano Charles Alexander Loeser, Charles Augustus Strong; la signora Alice Keppel; Lady Sybil Cutting e sua figlia, la storica Iris Origo.

Pinsent iniziò ad apportare modifiche alla Villa Torri Gattaia dell’intenditore Charles Alexander Loeser, nel 1907; e continuò a progettare giardini a Villa I Tatti (1909-1914) di Berenson, Villa Le Balze (1911-1913) di Strong, La Foce (1927-1939) di Origo e Villa Capponi (dal 1939). Ha anche aiutato nella progettazione del giardino Brdo in Slovenia.

Dal 1939 alla fine degli anni ’50 Pinsent visse in Gran Bretagna, a parte una breve visita in Italia nel 1944-45. Durante questo periodo in Italia lavorò al restauro di ville e giardini danneggiati dalla guerra. Alla fine degli anni Cinquanta si stabilisce in Svizzera. Pinsent morì il 5 dicembre 1963 a Hilterfingen, in Svizzera. Alcuni dei disegni di Pinsent sono conservati a Londra nella biblioteca del Royal Institute of British Architects.

I GRANDI PAESAGGISTI DEL 900

PIETRO PORCINAI

Un’importante capacità di Pietro Porcinai era quella di individuare i reali problemi e comprendere le procedure idonee, precorrendo sempre i tempi grazie ad una pre-veggenza fondata su basi tecniche sperimentate. Oltre al suo precoce ed innato talento naturale e alla sua intelligenza professionale, Porcinai aveva inoltre maturato una specifica formazione all’estero, in notevole anticipo rispetto ad altri, senza dubbio rimanendo influenzato dalla cultura paesaggistica di quei paesi, in particolare Germania e Belgio, dove aveva fatto pratica di tecniche colturali presso alcuni vivai specializzati. In Italia il percorso della sua formazione si intrecciò con un periodo cruciale dell’arte dei giardini: infatti, proprio nel 1924 Luigi Dami pubblicò II giardino italiano, dimostrando il primato italiano nell’arte dei giardini.

La natura autoctona e caratteristica del giardino italiano, nel riappropriarsi del suo primato in un campo diventato oggetto di studi di stranieri, soprattutto anglosassoni, culminò nella famosa Mostra del Giardino Italiano del 19311 a Firenze, dove si tese alla valorizzazione di un grande passato, senza tuttavia tentare di aprire la strada alla ricerca di nuove forme moderne nell’arte dei giardini. Presidente della Commissione esecutiva’ della mostra fu Ugo Ojetti, sostenitore di un’architettura monumentale e in stile. Nell’ambito della manifestazione furono riproposti dieci modelli ideali di giardini, in una sorta di percorso storico dell’arte dei giardini italiani, concepiti come piccole creazioni scenografiche in cui era presente anche il giardino paesaggistico all’inglese, anche se giudicato estraneo alla tradizione classica nazionale.

Don`t copy text!
X