THE VIGELAND PARK

OSLO | NORWAY
THE VIGELAND PARK | OSLO

Parchi d'Europa

Frogner Park (in norvegese: Frognerparken) è un parco pubblico situato nel distretto di Frogner, nel West End, a Oslo, in Norvegia. Il parco è storicamente parte di Frogner Manor e la casa padronale si trova a sud del parco e ospita il Museo di Oslo. Sia il parco, l’intero borgo di Frogner che Frognerseteren derivano i loro nomi da Frogner Manor.

Frogner Park contiene, nel suo centro attuale, l’installazione di Vigeland (in norvegese: Vigelandsanlegget; originariamente chiamata installazione di Tørtberg), un’installazione scultorea permanente creata da Gustav Vigeland tra il 1924 e il 1943. Si compone di sculture e di strutture più grandi come ponti e fontane. L’installazione non è un parco separato, ma il nome delle sculture all’interno del più grande Frogner Park. Informalmente l’installazione di Vigeland è talvolta chiamata “Vigeland Park” o “Vigeland Sculpture Park”; il direttore del Museo di Oslo Lars Roede ha detto che “Vigeland Park” “non esiste davvero” ed è “il nome dei turisti”, in contrapposizione al “nome più semplice dei nativi di Oslo, Frogner Park”.

Il parco di Frogner Manor era storicamente più piccolo e centrato sulla casa padronale, ed è stato progettato come parco barocco nel XVIII secolo dal suo proprietario, il futuro generale Hans Jacob Scheel. È stato progettato come un parco romantico nel XIX secolo dall’allora proprietario, l’industriale Benjamin Wegner. Gran parte della proprietà fu venduta per dare spazio all’espansione della città nel XIX secolo e la restante proprietà fu acquistata dal comune di Christiania nel 1896 e trasformata in un parco pubblico. Era il sito dell’Esposizione del Giubileo del 1914 e la disposizione delle sculture di Vigeland fu costruita dagli anni ’20. Oltre al parco delle sculture, alla casa padronale e a un padiglione vicino, il parco contiene anche Frognerbadet (i bagni Frogner) e lo stadio Frogner. Il Frogner Pond si trova al centro del parco.

Frogner Park è il parco più grande della città e copre 45 ettari;[4] l’installazione di sculture è il più grande parco di sculture del mondo realizzato da un singolo artista. Frogner Park è l’attrazione turistica più popolare in Norvegia, con tra 1 e 2 milioni di visitatori ogni anno[5] ed è sempre aperto al pubblico. Il parco Frogner e l’installazione di Vigeland (in norvegese: Frognerparken og Vigelandsanlegget) sono stati protetti dall’Heritage Act il 13 febbraio 2009 come primo parco in Norvegia.

A metà del XVIII secolo Hans Jacob Scheel, allora proprietario del Frogner Manor, realizzò un giardino barocco adiacente alla sua nuova casa padronale. Fu ampliato dalle persone che lo seguirono, a partire da Bernt Anker (1746-1805) che acquistò Frogner nel 1790 e ampliò l’edificio principale. Benjamin Wegner rilevò la proprietà nel 1836 e trasformò il giardino in un parco romantico intorno al 1840. In seguito, la maggior parte del terreno coltivabile fu venduta a sviluppatori privati.

Rimaneva circa un chilometro quadrato quando la città di Oslo acquistò la proprietà nel 1896 per assicurarsi lo spazio per un ulteriore sviluppo urbano. Il governo municipale decise intorno al 1900 di realizzare un parco ricreativo e sportivo. Il Frogner Stadium è stato aperto vicino alla strada e l’area vicino agli edifici è stata aperta al pubblico nel 1904. L’architetto norvegese Henrik Bull ha progettato i terreni e alcuni degli edifici eretti nel Frogner Park per l’Esposizione del Giubileo del 1914.

Successivamente il governo municipale decise che la fontana di Gustav Vigeland e tutti i suoi monumenti e statue dovessero essere collocati nel parco. L’area era pronta per la fontana Gustav Vigeland nel 1924 e il progetto definitivo fu pubblicato nel 1932 dal consiglio comunale. La maggior parte delle statue raffigura persone impegnate in varie attività tipicamente umane, come correre, lottare, ballare, abbracciarsi, tenersi per mano e così via. Tuttavia, Vigeland occasionalmente includeva alcune statue più astratte, inclusa una statua, che mostra un maschio adulto che combatte contro un’orda di bambini.

Gli edifici padronali si trovano nella parte meridionale del parco. Gli edifici in stile country house danese furono costruiti nel 1750 quando Hans Jacob Scheel rilevò la proprietà. Dopo che Bernt Anker, che era l’uomo più ricco della Norvegia, rilevò la tenuta nel 1790, gli edifici furono ulteriormente ampliati e il maniero divenne uno dei più importanti luoghi di incontro dell’alta società norvegese. Furono ricostruite nuovamente dall’industriale Benjamin Wegner, che ne divenne proprietario nel 1836 e che trasferì la torre nell’edificio principale.

Sotto Wegner furono costruiti anche alcuni edifici circostanti, il padiglione sulla vicina altezza “Utsikten” (La vista) e la casa del cocchiere al cancello principale di fronte alla casa padronale. Il padiglione era un regalo di nozze di Wegner a sua moglie Henriette Seyler, e fu spostato da Blaafarveværket nel 1830. È un classico tempio rotondo ottagonale con colonnato. Il soffitto è una replica dipinta in miniatura della cupola del Pantheon, Roma. Di fronte agli edifici principali c’è anche una meridiana costruita per Wegner. Oggi, gli edifici del maniero sono occupati dal Museo della città di Oslo. All’esterno degli edifici del maniero, c’è anche un caffè aperto nel 1918 (Frogner Park Café) e un ristorante aperto nel 1960 (Herregårdskroen, “il Manor House Restaurant”).

L’installazione di Vigeland (in norvegese: Vigelandsanlegget), originariamente chiamata installazione di Tørtberg, si trova nell’attuale centro di Frogner Park. È il nome della disposizione delle sculture e non di un’area in quanto tale, poiché l’intero parco è chiamato Frogner Park.[3] L’installazione di Vigeland a Frogner Park è talvolta indicata come “Parco Vigeland”, ma questo nome non ha uno status ufficiale, non è comunemente usato a Oslo ed è considerato impreciso; il direttore del Museo di Oslo Lars Roede ha detto che “Vigeland Park” “non esiste davvero” ed è “il nome dei turisti”, in contrapposizione al “nome più semplice dei nativi di Oslo, Frogner Park”.[3 ] Il nome legale dell’intero parco in conformità con il Place Name Act (stadnamnlova) è Frognerparken (Frogner Park).[11] L’installazione scultorea, come parte del Frogner Park, è stata protetta dall’Heritage Act il 13 febbraio 2009 con il nome Frogner Park e l’installazione di Vigeland (in norvegese: Frognerparken og Vigelandanlegget), sancisce il suo nome Vigelandsanlegget in legge.

L’area delle sculture nel Frogner Park copre 80 acri (320.000 m2) e presenta 212 sculture in bronzo e granito, tutte progettate da Gustav Vigeland. Il ponte è stata la prima parte ad essere aperta al pubblico, nel 1940. Il ponte forma un collegamento lungo 100 metri (328 piedi) e largo 15 metri (49 piedi) tra il cancello principale e la fontana, fiancheggiato da 58 sculture , tra cui una delle statue più famose del parco, Angry Boy (Sinnataggen). I visitatori potevano ammirare le sculture mentre la maggior parte del parco era ancora in costruzione. Alla fine del ponte si trova il Children’s Playground, una collezione di otto statue in bronzo che mostrano bambini che giocano.

Originariamente progettata per stare nella piazza di Eidsvolls di fronte al Parlamento norvegese, la Fontana in bronzo (Fontenen) è adornata con 60 singoli rilievi in ​​bronzo ed è circondata da un mosaico di granito bianco e nero di 1800 metri quadrati.

Il cancello principale in granito e ferro battuto dell’installazione di Vigeland funge anche da ingresso orientale al Frogner Park da Kirkeveien. Da lì un asse lungo 850 m (2.790 piedi) conduce a ovest attraverso il ponte fino alla fontana e al monolito e termina con la ruota della vita. Il cancello principale è costituito da cinque grandi cancelli, due piccoli cancelli pedonali e due porte con tetto in rame, entrambi ornati con banderuole. È stato progettato nel 1926, ridisegnato negli anni ’30 ed eretto nel 1942. È stato finanziato da una banca norvegese.

Il Monolith Plateau è una piattaforma a nord di Frogner Park fatta di gradini che ospita il totem del Monolith stesso. 36 gruppi di figure risiedono sul prospetto, che rappresentano un tema del “cerchio della vita”. L’accesso all’Altopiano avviene tramite otto cancelli in ferro battuto raffiguranti figure umane. Le porte furono progettate tra il 1933 e il 1937 ed erette poco dopo la morte di Vigeland nel 1943.

Nel punto più alto del Frogner Park si trova l’attrazione più popolare del parco, il Monolith (Monolitten). Il nome deriva dalla parola latina monolithus, dal greco μονόλιθος (monolithos), μόνος che significa “uno” o “singolo” e λίθος “pietra”, e in questo caso è un vero e proprio monolite, essendo fabbricato da un unico pezzo di pietra solida. La costruzione dell’imponente monumento iniziò nel 1924 quando Gustav Vigeland lo modellò in argilla nel suo studio a Frogner. Il processo di progettazione ha richiesto dieci mesi e si suppone che Vigeland abbia utilizzato schizzi redatti nel 1919. Un modello è stato quindi fuso in gesso.

Nell’autunno del 1927 un blocco di granito del peso di diverse centinaia di tonnellate fu consegnato al parco da una cava di Halden. Fu eretto un anno dopo e attorno ad esso fu costruito un capannone di legno per proteggerlo dalle intemperie. Il modello in gesso di Vigeland è stato eretto accanto ad esso come riferimento. Il trasferimento del progetto iniziò nel 1929 e ci vollero 14 anni per realizzare tre muratori. Il Monolito fu mostrato per la prima volta al pubblico nel Natale del 1944 e 180.000 persone si affollarono nel capannone di legno per osservare da vicino la creazione. Il capannone è stato demolito poco dopo. Il Monolito è alto 14,12 metri (46,32 piedi) ed è composto da 121 figure umane che si alzano verso il cielo.

Alla fine dell’asse dell’installazione c’è una meridiana, forgiata nel 1930 (c’è anche una meridiana del 1830 fuori dalla casa padronale a sud del parco), e infine la scultura in pietra della Ruota della Vita, scolpita nel 1933-1934. La ruota raffigura quattro adulti, un bambino e un bambino (il bambino e il bambino sono sui lati opposti).

L’ultima aggiunta al parco è una statua intitolata Sorpresa (Overrasket), originariamente completata in gesso nel 1942 solo pochi mesi prima che uno dei modelli per l’opera, la rifugiata austriaca Ruth Maier, fosse inviata ad Auschwitz e uccisa. Una fusione in bronzo realizzata nel 2002 è ora installata nel parco.

Itinerari in Europa

PARCHI E GARDINI IN IRLANDA

SITO MONASTICO DI SAN KEVIN

Itinerari Storici

Glendalough, nel Wicklow (Irlanda), è un villaggio che si trova vicino al sito di un antico monastero. Il monastero fu fondato nel VI secolo dall’eremita Kevin di Glendalough e distrutto nel 1398 dalle truppe ..

KILKENNY CASTLE PARK

Itinerari Storici

Nei secoli precedenti il ​​Castello era circondato da parchi e racchiuso da giardini con generosa piantumazione di alberi. Questo fu gradualmente ridotto e modificato nel corso dei secoli e, quando il castello fu consegnato ..

WICKOW NATIONAL PARK

Itinerari naturalistici

Il Parco nazionale dei Monti Wicklow è un’area protetta dell’Irlanda centro-orientale situata poco a sud di Dublino. Il suo nome deriva dai Monti Wicklow, una catena montuosa in buona parte compresa nel parco.

Don`t copy text!
X