L’architetto perduto dell’Inghilterra: Cecil Ross Pinsent

MICHAEL SPENS 

L'architetto perduto dell'Inghilterra: Cecil Ross Pinsent

Ethne Clarke ha reso piena giustizia sia all’architettura di Pinsent che ai relativi giardini e paesaggi. Nato a Montevideo, in Uruguay, Pinsent è cresciuto in Inghilterra dopo il ritorno a casa della sua famiglia. Tuttavia, l’essenza di uno stampo espatriato sembrava rimanere con lui per tutta la sua lunga vita. Rimase peripatetico, con una carriera che, nonostante il servizio militare nelle due guerre mondiali, comprendeva un itinerario degno di nota negli anni del suo rinomato studio di progettazione, prevalentemente basato a Firenze e dintorni. Precedentemente un illustre studente sia alla Architectural Association School (dove vinse la borsa di studio e la medaglia Banister Fletcher nel 1906) che alla Royal Academy, un contatto personale gli permise presto di trasferirsi a lavorare in Italia.

Il lasso di tempo non era l’ideale per Pinsent. Era appena partito prima dei 30 anni quando scoppiò la prima guerra mondiale. Ma raccolse come clienti lo storico dell’arte Bernard Berenson e sua moglie, e il loro amico Geoffrey Scott, teorico dell’architettura e autore di The Architecture of Humanism, divenne per un certo periodo partner di pratica di Pinsent. Negli anni ’20, nell’immediato dopoguerra, i progetti si moltiplicarono. Pinsent era al centro di una fitta rete di anglo-fiorentini, molti dei quali avevano acquisito ville sulle alture intorno a Settignano e Fiesole. Di conseguenza, allo stesso tempo, ci fu un’ondata di interesse popolare per il giardino paesaggistico, influenzato dall’indagine di Geoffrey Jellicoe, pubblicata nel 1925 come Italian Gardens of the Renaissance. Solo due anni prima, Jellicoe, come racconta Clarke, aveva trascorso una giornata con Pinsent mostrandogli Settignano, San Domenico e le località intorno a Fiesole. Di circa 16 anni più giovane di Pinsent, Jellicoe ne rimase profondamente colpito. Come cita Clarke, Jellicoe ha detto: “Pinsent è stato il mio primo maestro nell’arte di collocare edifici nel paesaggio”. Il loro fu un incontro casuale nel 1923 sul sito di Villa Papiniano, dove Pinsent era stato incaricato da Hugh Sartorius Whitaker di progettare, su un ripido pendio sotto la casa, un superbo giardino formale e una piscina circondati da un “bosco” informale. L’esperienza con Pinsent e il suo lavoro rimarranno con Jellicoe per tutta la vita, e senza dubbio ha influenzato i suoi principali progetti di giardini paesaggistici, come Sutton Place, Ditchley Park e Shute House. Jellicoe ha detto: “Pinsent è stato il mio primo maestro nell’arte di collocare gli edifici nel paesaggio”. Il loro fu un incontro casuale nel 1923 sul sito di Villa Papiniano, dove Pinsent era stato incaricato da Hugh Sartorius Whitaker di progettare, su un ripido pendio sotto la casa, un superbo giardino formale e una piscina circondati da un “bosco” informale. L’esperienza con Pinsent e il suo lavoro rimarranno con Jellicoe per tutta la vita, e senza dubbio ha influenzato i suoi principali progetti di giardini paesaggistici, come Sutton Place, Ditchley Park e Shute House. Jellicoe ha detto: “Pinsent è stato il mio primo maestro nell’arte di collocare gli edifici nel paesaggio”. Il loro fu un incontro casuale nel 1923 sul sito di Villa Papiniano, dove Pinsent era stato incaricato da Hugh Sartorius Whitaker di progettare, su un ripido pendio sotto la casa, un superbo giardino formale e una piscina circondati da un “bosco” informale. L’esperienza con Pinsent e il suo lavoro rimarranno con Jellicoe per tutta la vita, e senza dubbio ha influenzato i suoi principali progetti di giardini paesaggistici, come Sutton Place, Ditchley Park e Shute House. un superbo giardino formale e piscina circondati da un “bosco” informale. L’esperienza con Pinsent e il suo lavoro rimarranno con Jellicoe per tutta la vita, e senza dubbio ha influenzato i suoi principali progetti di giardini paesaggistici, come Sutton Place, Ditchley Park e Shute House. un superbo giardino formale e piscina circondati da un “bosco” informale. L’esperienza con Pinsent e il suo lavoro rimarranno con Jellicoe per tutta la vita, e senza dubbio ha influenzato i suoi principali progetti di giardini paesaggistici, come Sutton Place, Ditchley Park e Shute House.

Clarke concentra saggiamente le sue analisi su una selezione di quattro progetti Pinsent, di cui tre sono stati sviluppi chiave in Toscana. Mentre progetti minori di eccellenza sono rimasti, a causa della reticenza di Pinsent, tristemente inediti, Villa I Tatti (committente: i Berenson), Villa Le Balze (committente: il filosofo americano Charles Strong) e il più grande capolavoro di tutti, La Foce (committente: il Marchese della Val d’Orcia, Antonio Origo, e sua moglie anglo-irlandese, la biografa e scrittrice Iris Origo). La Foce rappresenta oggi il compimento di tre motivazioni per il Marchese e la moglie: un legame personale (Iris era amica di Pinsent fin dall’infanzia): migliorie sociali per la tenuta ammodernata e per i suoi lavoratori; e “un’infinità di grazie” nella creazione di una superba combinazione di giardini formali e informali e paesaggio circostante.

Oggi, La Foce, come una sorta di centro musicale di Glyndebourne, attira un gran numero di visitatori internazionali. Nell’esaminare la storiografia architettonica che affolla ogni retrospettiva del XX secolo, sorgono sempre interrogativi sulla misura in cui il modernismo emergente all’inizio del secolo richiedeva l’esclusività. Architetti come Jellicoe e Pinsent sono stati tagliati fuori dai riflettori, rinchiusi in una riserva arcaica? Circostanze diverse sembrano aver prevalso in tutti i casi. La pratica paesaggistica di Jellicoe, per quanto innovativa, crebbe rapidamente in Inghilterra, molto aiutata dai lavori pubblici. In misura minore, come pratica individuale, Pinsent aveva la Toscana nel palmo della mano. Finì addirittura con una commissione militare dal 1943 per proteggere e conservare il patrimonio italiano danneggiato dalla guerra, sul proprio territorio, per così dire,

Sulla questione della posizione di Pinsent nell’ondata del modernismo del XX secolo, niente meno che l’illustre storico del paesaggio John Dixon Hunt (dell’Università della Pennsylvania) ha riconosciuto La Foce. In un volume compendio sulla villa, i suoi giardini e il paesaggio, ha detto: “Sebbene sia totalmente attento alle tradizioni del giardinaggio all’italiana, e quindi al suo ruolo di lieu de mémoire , è splendidamente, fiduciosamente moderno”. La stessa Clarke traccia anche brevemente la vita e gli affari personali di Pinsent: un uomo attraente, aveva molte corteggiatrici e ne inseguiva altre, ma non si sposò mai. È stato detto: “L’architettura è un’amante gelosa”. Così sia.

Questo libro completo è opportuno e deve essere pienamente raccomandato sia ad architetti e paesaggisti, sia a un pubblico più ampio, per una più ampia comprensione dell’interazione storica delle culture, in un mondo confuso, in cui professionisti entusiasti hanno preso tutte le strade che hanno trovato aperte . Devono ancora.

 

Don`t copy text!