VILLA DES VERGERS | RIMINI

Pietro Porcinai

La Villa des Vergers è opera dell’architetto francese Arturo Diet che ne ideò il progetto nel 1879 e per provvedersi dei marmi necessari Des Vergers si recò in Istria, a Verona, a Valpolicella ed a Vicenza. La morte di Hèlene Noël des Vergers, nel 1934, segna la fine della casata e di un periodo di splendore durato circa un secolo, scandito da ricevimenti, feste e concerti che fecero della villa una piccola corte. Tra il 1936 e il 1937 l’intera proprietá fu acquistata dal principe Don Mario Ruspoli, che affidò il progetto e l’intervento sul giardino a Pietro Porcinai, importante paesaggista italiano del XX secolo. Durante la Seconda Guerra Mondiale la struttura venne utilizzata dai Tedeschi come quartier generale, mentre nella struttura del Belvedere vi trovarono rifugio gli abitanti della zona. Nel 1946 l’acquisì Attilio Castiglioni, un industriale italoamericano, che fece restaurare l’edificio in seguito ai danni subiti nel corso del secondo conflitto mondiale. Alla morte di Castiglioni, nel 1988, fu rilevata da Luigi Annibali e Piero Reggini, che nella primavera del 1994 la vendettero ad Andrea Angelo Facchi.

Con il dott. Andrea Angelo Facchi sono stati eseguiti significativi interventi di riqualificazione, restauro e consolidamento. Gli interventi susseguitesi nel corso dei secoli su commissione dei diversi proprietari non sono tutti sufficientemente documentati, per cui è impossibile fornire una dettagliata ricostruzione storica dell’evoluzione dell’edificio. Sono le modifiche apportate alla fine dell’Ottocento, in ogni caso, quelle che gli hanno conferito l’aspetto attuale, eccetto qualche particolare. La Villa con il suo incantevole parco rappresenta uno dei rari esempi in Italia dell’eclettismo architettonico francese che caratterizzò il periodo di Napoleone III. Villa des Vergers supera i 3.000 mq d’estensione ed è frutto di vari interventi susseguitesi nel corso dei secoli su commissione dei diversi proprietari. Della Villa di San Lorenzo in Correggiano si hanno notizie sin dal XVII° secolo, quando appartenne ai marchesi Diotallevi, grande e illustre famiglia riminese. Fu poi dei Belmonti Cima, signori del Castello delle Caminate, di Belfiore e Ranchio e marchesi di Castelnuovo nel regno di Napoli, che ne furono proprietari per due secoli. Ultimo della famiglia fu Giovan Maria Belmonti Stivivi, cavaliere dell’ordine Gerosolimitano che combatté due anni per la Francia nella guerra di Corsica e all’arrivo in Italia degli eserciti napoleonici fu uno dei primi ad esaltarsi alle idee rivoluzionarie da loro propagandate fino ad ospitare lo stesso Napoleone nel suo palazzo di Rimini.

Notevole risulta anche il parco, direttamente pertinenziale, in quanto racchiude in sé il passaggio da parco di tipo classico (come documentano le mappe del catasto Gregoriano) in parco romantico dalle forme irregolari e naturalistiche dello stile paesistico, con la formazione di vialetti, percorsi, vasche, del laghetto, del gazebo ecc.
La Villa des Verges è opera dei più brillanti architetti: Arthur Stanislas Diet (1828-1891) collaboratore di Haussmann, e George Paul Chédanne (1861 – 1940) autore delle Geleriés Lafayette. Il giardino attuale è invece opera dell’ingegno di Pietro Porcinai, uno dei massimi paesaggisti del Novecento il quale modificò il precedente progetto francese per il principe Mario Ruspoli proprietario della villa dal 1938 al 1946. Dei 10 ettari della proprietà, 7 appartengono al parco, gli altri 3 sono in parte tenuti a seminativo e in parte a incolto, con macchie di olivi, al margine del lungo viale di pini che congiunge la villa con la strada. L’edificio è perfettamente orientato secondo l’asse nord-sud e dalla sua terrazza si gode di una splendida vista, ininterrotta per 360°. Le aree boscate occupano circa i due terzi della superficie del parco, e sviluppandosi intorno al suo perimetro, soprattutto sul versante est, racchiudono in una cortina protettiva le zone più interne del giardino, che sono prevalentemente in piano. Nel parco oltre la villa sorgono l’agrumaia, la fattoria e le due guardiole poste simmetricamente ai lati del cancello d’ingresso.

Contatti:

VILLA DES VERGERS
Indirizzo: Via Monte L’Abbate, 32, 47924 San Lorenzo In Correggiano
Comune: Rimini
Sito web: www.villadesvergers.it

I GRANDI PAESAGGISTI DEL 900

PIETRO PORCINAI

Un’importante capacità di Pietro Porcinai era quella di individuare i reali problemi e comprendere le procedure idonee, precorrendo sempre i tempi grazie ad una pre-veggenza fondata su basi tecniche sperimentate. Oltre al suo precoce ed innato talento naturale e alla sua intelligenza professionale, Porcinai aveva inoltre maturato una specifica formazione all’estero, in notevole anticipo rispetto ad altri, senza dubbio rimanendo influenzato dalla cultura paesaggistica di quei paesi, in particolare Germania e Belgio, dove aveva fatto pratica di tecniche colturali presso alcuni vivai specializzati. In Italia il percorso della sua formazione si intrecciò con un periodo cruciale dell’arte dei giardini: infatti, proprio nel 1924 Luigi Dami pubblicò II giardino italiano, dimostrando il primato italiano nell’arte dei giardini.

La natura autoctona e caratteristica del giardino italiano, nel riappropriarsi del suo primato in un campo diventato oggetto di studi di stranieri, soprattutto anglosassoni, culminò nella famosa Mostra del Giardino Italiano del 19311 a Firenze, dove si tese alla valorizzazione di un grande passato, senza tuttavia tentare di aprire la strada alla ricerca di nuove forme moderne nell’arte dei giardini. Presidente della Commissione esecutiva’ della mostra fu Ugo Ojetti, sostenitore di un’architettura monumentale e in stile. Nell’ambito della manifestazione furono riproposti dieci modelli ideali di giardini, in una sorta di percorso storico dell’arte dei giardini italiani, concepiti come piccole creazioni scenografiche in cui era presente anche il giardino paesaggistico all’inglese, anche se giudicato estraneo alla tradizione classica nazionale.

Don`t copy text!
X