This site was optimized for desktop or tablet viewing. Mobile devices will have some viewing difficulties, but will retain functionality.

ITINERARI NATURALISTICI | PORTOGALLO

ISOLE AZZORRE | AÇORES ISLANDS

Le Isole Azzorre formano un arcipelago vulcanico isolato che ospita una biodiversità unica, con un elevato numero di specie endemiche, linee evolutive uniche e affascinanti interazioni tra specie. Oggi, i biota terrestri e marini nativi di queste specie sono influenzati da vari fattori di cambiamento globale, inclusi i cambiamenti e la frammentazione dell’uso del suolo (nei biota terrestri), l’introduzione di specie esotiche invasive, l’inquinamento degli habitat e i cambiamenti climatici.

Pertanto, è essenziale migliorare la nostra comprensione dei driver della biodiversità osservata nelle Isole Azzorre in modo da informare e adottare le pratiche di gestione della conservazione più appropriate per questi ecosistemi terrestri e marini. In questo argomento, miriamo a incorporare diversi contributi che coprono aree come tassonomia, inventari di specie e liste di controllo aggiornate, ecologia, analisi biogeografiche, studi evolutivi e conservazione. Inoltre, miriamo a valutare gli effetti delle attività legate alla conservazione sulla protezione della biodiversità delle Azzorre, nonché il valore ad essa conferito, a livello di specie e di comunità. Sia gli articoli di ricerca originali che le recensioni sono i benvenuti per l’invio a questo numero speciale. Non vediamo l’ora di ricevere i vostri contributi.

Tra la flora originaria dell’arcipelago, in parte scomparsa dopo l’arrivo dei colonizzatori, va menzionata la tipica laurisilva macaronesiana (foresta di lauri), composta da arbusti di ginepro (Juniperus brevifolia), erica, alloro (Laurus azorica), tamerici e varie altre decine di specie endemiche ancora oggi osservabili. La Myrica Faya o lauro delle Canarie è una delle specie più importanti e uniche diffuse e originarie. La “foresta di lauri” è una foresta sempreverde tipica delle isole della Macaronesia, composta da lauri sempreverdi che possono raggiungere anche i 40 metri di altezza.

Queste foreste, resti di una vegetazione che copriva buona parte del bacino del Mediterraneo durante il Pliocene, regredirono nel resto d’Europa a causa della siccità, venendo rimpiazzate da una vegetazione più resistente al clima secco. La posizione della Macaronesia, e quindi dell’arcipelago delle Azzorre, con il suo clima temperato e il conseguente mantenimento dell’umidità media, permette di mitigare le fluttuazioni climatiche e quindi di preservare queste foreste. Nelle Azzorre si trovano ancora oggi piccole aree di laurisilva sull’isola di Pico, Terceira e sull’isola di São Miguel, al di sopra dei 500 metri di altitudine.

Tra le altre specie che è possibile incontrare alle Azzorre ci sono il Cedro del Libano, l’Agrifoglio, il Viburno, l’Erica scozzese, l’Erica scoparia o della scopa, la Bacca selvatica, l’Euphorbia, il Ciliegio selvatico morello, il Mogano del Brasile, il Lauro e il Corniolo. Nel corso dei secoli di colonizzazione, l’uomo ha introdotto molte altre specie che oggi contribuiscono a dare nuove caratteristiche al paesaggio. Tra queste ricordiamo le Acacie, le Camelie, la Belladonna, gli Agapanti, la Cryptomeria giapponese, le Magnolie, gli Ibischi, l’albero australiano della carta, gli alberi della canfora, il raro ginkgo così come, per noi comuni, platani, tigli, pini e palme. Tra tutte le specie introdotte nei secoli spiccano le Ortensie e le Azalee che, con i loro peculiari colori azzurri e rosa, hanno conferito alle isole una particolare unicità.

Le isole Azzorre vantano un clima subtropicale oceanico, con una limitata escursione termica tra estate e inverno. Durante l’inverno, le temperature medie diurne si attestano intorno ai 15/17 °C, mentre nei mesi più caldi si mantengono tra i 24/26 °C. Le temperature di trenta gradi vengono raggiunte molto raramente; tuttavia, in compenso, le temperature notturne non scendono mai al di sotto dei 7/8 °C. Di conseguenza, l’estate rappresenta il periodo consigliato per visitare le Azzorre, permettendo di godere delle acque balneabili, prendere il sole in spiaggia ed esplorare l’isola in condizioni climatiche gradevoli.

 

COME RAGGIUNGERE LE ISOLE AZZORRE | TARIFFE DELLA TAP.

Sfortunatamente, non esistono voli diretti dall’Italia alle Azzorre. Pertanto, per raggiungere queste isole, è necessario effettuare uno scalo in Portogallo. Dall’Italia è possibile prenotare un volo con la compagnia di bandiera portoghese TAP o un volo a basso costo che prevede uno scalo a Lisbona o Porto, prima di atterrare sulle isole di São Miguel o Terceira.

 

 

ITINERARI NATURALISTICI | AÇORES PORTOGALLO

CALDEIRA DAS SETE CIDADES

A circa 17 km a nord-ovest di Ponta Delgada si trova una delle maggiori attrazioni naturali dell’isola di São Miguel, il paesaggio paradisiaco di Caldeira das Sete Cidades (Caldera delle sette città), dove – secondo la leggenda – sette città, fondate da espulsi Vescovi spagnoli, affondò. Con un perimetro di 12 km e un diametro di 7 km, questa caldera si è formata da un cratere crollato durante una gigantesca eruzione preistorica, la cui forma attuale è stata creata durante una tremenda eruzione nel 1445.

La caldera è piena – oltre a tre laghi più piccoli – con due grandi laghi di dimensioni quasi uguali, il Lagoa Verde con acqua verde cristallina e Lagoa Azul con un’acqua blu sorprendente, che sono separati solo da uno stretto ponte di terra. Le ripide pareti del cratere, alte fino a 300 m, ricoperte da una vegetazione lussureggiante, creano un affascinante contrasto con le acque tranquille e i colori tenui, uno spettacolo davvero pittoresco e davvero indimenticabile!

Sempre all’interno del cratere, troverai l’affascinante paesino di Sete Cidades con le sue curiose case, una piccola chiesa neogotica alla fine di una strada fiancheggiata da cedri, un parco pittoresco con magnifici alberi secolari e, oltre a graziose azalee in abbondanza (soprattutto in stagione), interessanti esemplari di flora endemica.

Partendo dal punto panoramico “Vista do Rei”, che offre una vista superba sui laghi, sulla frazione di Sete Cidades e su tranquille distese verdi, una delle passeggiate più panoramiche dell’isola conduce intorno ai laghi lungo la cresta del cratere, che è delimitata da bellissime ortensie in abbondanza.

Il corpo del vecchio monastero domenicano e il campanile quattrocentesco sono incorporati nel lato meridionale della costruzione. All’interno di quest’ultimo è custodito un prestigioso concerto di 5 campane, più una piccola campana antica, fuori concerto, montate “alla bolognese” e ad azionamento completamente manuale.

Parco di Terra Nostra

Il Parco Terra Nostra è un giardino botanico portoghese situato a Vale das Furnas, comune di Povoação, isola di São Miguel, nell’arcipelago delle Azzorre. Questo parco ospita una delle più grandi collezioni di camelie al mondo, con più di 600 generi diversi e anche la più grande collezione di Cycas in Europa. La fondazione di questo giardino botanico risale al 1780, quando l’allora console degli Stati Uniti sull’isola di São Miguel, Thomas Hickling, ordinò la costruzione della sua residenza estiva, allora conosciuta come Yankee Hall.

Tuttavia, è a metà del XIX secolo che il giardino stesso ha avuto un grande sviluppo, da un’area occupata di due ettari, su iniziativa dei suoi successivi proprietari, siano essi i Viscondes da Praia o più tardi la famiglia Bensaude, è aumentò gradualmente fino ad avere una dimensione abbastanza comoda. Era il 1848 e dopo essere stato acquistato dal I Visconde da Praia, Duarte Borges da Câmara e Medeiros, questo parco conobbe il suo primo e grande incremento viali ombrosi e aiuole, nonché la sostituzione della Yankee Hall con l’attuale Casa do Parque, attualmente dedicato agli hotel. 

ITINERARI AÇORES

MATA JARDIM JOSE DO CANTO

Il Mata – Jardim José do Canto fu piantato a metà del XIX secolo, in un terreno incolto, derivante dal vulcano Lagoa Seca (1630). Nel 1861, José do Canto commissionò il progetto all’architetto paesaggista Barrillet-Deschamps e, secondo Isabel Albergaria nel suo libro “Quintas, Jardins e Parks da Ilha de S. Miguel”: «Deschamps (1824-1875) era a quel tempo una figura ben nota nel panorama parigino, lavorando sotto la direzione di Alphand nel piano generale di urbanizzazione di Haussmann, con la responsabilità principale della piantumazione dei parchi e dei giardini di Parigi. In questa veste è stato coautore del Bois de Boulogne e del Bois de Vincennes, dei parchi Monceau e Buttes Chaumont e dei giardini degli Champs-Elysées.

ITINERARI AÇORES

CALDEIRAS DAS FURNAS

Furnas si trova nel più orientale dei tre vulcani attivi trachitici sull’isola di São Miguel, nel Complesso vulcanico di Furnas, storicamente attivo. Per questo motivo molti punti del territorio di Furnas sono soggetti a solfatare, in particolare a ridosso del lago e poco sopra il centro urbano, dove l’attività sotterranea può creare nuovi punti di fuoriuscita dell’acqua bollente negli anni. Con una complessa storia di 100 000 anni, la caldera centrale del vulcano di Furnas è una struttura trachitica esplosiva naturale composta da due caldere principali, che attraverso la formazione, il collasso e l’esplosione hanno segnato la storia naturale del massiccio. La caldera più antica ha un diametro di circa 7 km la cui scarpata taglia le strutture laviche del vicino Complesso Vulcanico di Povoação a nord e a nord-est e a sud-est fino alla valle di Ribeira Quente. La seconda caldera (4,5 km di diametro) risale a 35 000 anni fa (la caldera più giovane) ed è geomorfologicamente identificabile dalla parete di 200 metri a nord e a nord-ovest. All’interno della caldera si trovano numerosi coni di pomice e maar derivanti da eruzioni pliniane e freto-pliniane di 5 000 anni fa.

ITINERARI AÇORES

MIRADOURO DO ESCALVADO

Sull’isola di S. Miguel, nelle Azzorre, il Miradouro do Escalvado si trova a Ponta do Escalvado, nella parrocchia di Ginetes, nel comune di Ponta Delgada. Situato a ovest, in cima a una roccia scoscesa, il belvedere dell’Escalvado offre una vista panoramica sul mare e sulla costa occidentale dell’isola di S. Miguel. Al belvedere, a circa 150 metri sul livello del mare, si possono vedere Ferraria e la regione di Mosteiros. Si dice che, nelle giornate limpide, si possa vedere un po’ dell’isola di Terceira e la cima della montagna sull’isola di Pico. Accanto al belvedere, vedrai una piccola casa bianca, dove si trovava la vecchia casa di legno utilizzata per osservare le balene. Il belvedere dell’Escalvado era, infatti, un luogo di grande importanza nell’attività di caccia alle balene, poiché da qui si potevano vedere le balene in lontananza.

ITINERARI AÇORES

CENTRO DE MONITORIZAÇÃO DA LAGOA DAS FURNAS

Il Centro di Monitoraggio e Investigazione delle Furnas (CMIF) è stato creato con l’obiettivo di divulgare la storia e l’evoluzione del Vulcão das Furnas e l’intervento del Laboratório de Paisagem per la protezione e il recupero degli ecosistemi nell’area protetta del paesaggio. È stato vincitore del “Premio Internazionale Architetture di Pietra 2011 – XII edizione” e finalista del premio SECIL nel 2013. Ha pubblicato in spagnolo “El Croquis” e ha lasciato alcuni siti web di architettura. Nel 2016, ha vinto il premio “Tour Operator of the Year for São Miguel” nella categoria “Holiday & Tour Specialist Awards” da Luxury Guide Awards. Il CMIF funziona come osservatorio e centro di divulgazione integrato di conoscenza, assumendo, dal logo, un importante documento di traduzione da una lingua scientifica per le forme di diffusione della conoscenza, capacità di cattivare i visitatori per una migliore comprensione delle particolarità della geodiversità, della biodiversità, dell’idropolo e cultura locale.

ITINERARI AÇORES

TERMAS DA FERRARIA

Vicino all’Oceano, nell’estremo sud-ovest dell’isola di S. Miguel – Azzorre, si trova Ferraria. Integrata nel Monumento Naturale Regionale di Pico das Camarinhas e Ponta da Ferraria, quest’area di protezione della natura presenta varie strutture di origine vulcanica, di grande valore paesaggistico e scientifico. Questo evento geologico è anteriore alla popolazione dell’isola di S. Miguel ed è stato originato da un’eruzione stromboliana, che ha costruito un cono di scorie che ha causato un drenaggio di lava. La lava è scesa dalla scogliera e una piattaforma lavica è stata creata in riva al mare. L’ingresso di questa corrente lavica in mare provocò un’esplosione freatica che creò una struttura vulcanica di forma conica, sormontata da un cratere. Non era un comune cratere, perché non aveva un camino vulcanico dalla cui profondità sarebbe venuto il magma. Questo cratere è scientificamente designato pseudocrate ed è considerato per la sua singolarità e bellezza un Geomonumento da preservare.

error: Alert: Content selection is disabled!!