NATURA E STORIA DEI PAESAGGI DEL VECCHIO CONTINENTE

ITINERARI EUROPA

Un tempo l’Europa era coperta tra l’80% e il 90% dalle foreste, che si estendevano dal Mediterraneo all’Artico. Sebbene più della metà delle foreste originarie sia scomparsa nei secoli di colonizzazione, l’Europa ha ancora più di un quarto delle foreste mondiali, abeti nelle foreste della Scandinavia, vaste foreste di pini in Russia, castagno nel Caucaso, e la quercia nel Mediterraneo. Recentemente, la deforestazione si è arrestata e sono stati piantati molti alberi. Tuttavia, spesso, le conifere sono state preferite agli originali alberi decidui per via della loro rapidità di crescita. Le piantagioni e le monocolture coprono oggi vaste aree di terra e ciò lascia pochi habitat alle specie animali originarie delle foreste europee. L’estensione delle foreste originarie è ormai ridotta al 2-3% nell’Europa occidentale e al 5-10% nella Russia europea. Il paese meno coperto da foreste è l’Irlanda (8%), quello più coperto è la Finlandia (72%).

La principale vegetazione naturale che ricopre l’Europa è la foresta. Le condizioni per la sua crescita sono molto favorevoli. A nord, la Corrente del Golfo e la Corrente del Nord Atlantico riscaldano il continente, a sud il clima è mediterraneo, e ci sono frequenti siccità estive in questa regione. Le creste delle montagne hanno spesso molta influenza sulle condizioni climatiche, alcune (Alpi, Pirenei), sono orientate dall’est all’ovest e permettono al vento di portare grandi masse d’acqua dall’oceano verso l’interno. Altre sono orientate da sud a nord (Montagne Scandinave, Alpi Dinariche, Carpazi, Appennini) e siccome la pioggia cade prima dal lato delle montagne orientato verso il mare, le foreste crescono meglio da questa parte, mentre dall’altro lato, le condizioni sono molto meno favorevoli. Pochi sono i luoghi del continente sui quali nei millenni non ha pascolato il bestiame e a ciò si aggiunge la massiccia deforestazione che ha causato danni incalcolabili all’ecosistema originario.

Don`t copy text!